Poiché le guerre hanno origine nello spirito degli uomini, è nello spirito degli uomini che si debbono innalzare le difese della pace. (Preambolo all'atto costitutivo dell'UNESCO, 1945)
Poiché le guerre hanno origine nello spirito degli uomini,è nello spirito degli uomini che si debbono innalzare le difese della pace.(Preambolo all'atto costitutivo dell'UNESCO, 1945) 

Già alla fine della seconda guerra mondiale, vista l’imponenza della devastazione causata dal conflitto, nacque l’idea di creare un movimento internazionale per la protezione di siti di importanza mondiale.

Nel 1959, poi, quando è stata costruita la diga di Assuan in Egitto, che ha comportato l’inondazione dei templi di Abu Simbel, è sorta la necessità di proteggere i siti di interesse storico-culturale. Su richiesta dei governi egiziano e sudanese, l’UNESCO lanciò una campagna internazionale, che portò alla realizzazione di un progetto che fece storia: i templi di Abu Simbel e di Philae, furono trasportati a pezzi fuori dall’area dell’inondazione e rimontati dove ancora oggi rappresentano una fra le più importanti mete turistiche del pianeta.

I lavori, che durarono dal 1964 al 1968 hanno coinvolto uomini, denaro e tecnologia di centotredici paesi coordinati dall’UNESCO.

 

Il 16 novembre 1972, la Conferenza Generale dell’UNESCO adotta la Convenzione sul Patrimonio Mondiale dell’Umanità, culturale e ambientale, considerandolo come il legame tra il nostro passato, ciò che siamo ora e ciò che passeremo alle generazioni future.

 

I siti riconosciuti Patrimonio Mondiale dell’Umanità sono catalogati in base ad una lista mondiale che viene aggiornata annualmente: l’Italia è la nazione con il maggior numero di siti, cinquantuno, seguono la Cina con cinquanta, la Spagna con quarantacinque, la Francia con quarantadue e la Germania con quarantuno (aggiornamento gennaio 2016).

 

L’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco è nata nel 1997. 

L’Associazione svolge un’intensa attività di sostegno alle politiche di tutela e valorizzazione dei territori e dei beni insigniti del prestigioso riconoscimento Unesco e rappresenta uno dei referenti prioritari per tutti coloro che, enti pubblici e soggetti privati, hanno a cuore lo straordinario Patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese.

Sede Legale e Segretariato dell'Associazione sono presso il Comune di Ferrara.

Membro del Consiglio Direttivo è l'Arch. Roberta Fusari, Assessore del Comune di Ferrara all'Urbanistica, Edilizia, Rigenerazione Urbana, Unesco e Partecipazione.

 

 

Link al Patrimonio Mondiale dell'Umanità: http://whc.unesco.org/

Link ai siti italiani Patrimonio dell'Umanità:  http://www.unesco.it/cni/index.php/siti-italiani

Link all'Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco: http://www.sitiunesco.it
 
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Club per l'Unesco di Ferrara